Ragonese: le prove da madrina

Isabella Ragonese, astro nascente del cinema italiano. Al Gay Village verrà proiettato il film Viola di mare. Ieri era ospite d’onore a Salerno, al festival di Giffoni. Questo weekend sarà la reginetta queer di Roma, guest star del Gay Village. E a settembre le toccherà l’onore più grande, quello di aprire la mostra del Cinema di Venezia. Inarrestabile, Isabella Ragonese è il volto dell’estate culturale 2010: «Io non so nemmeno che vuol dire, essere madrina. Non l’ho mai fatto, sono emozionata, non so come affrontare questa responsabilità». A preoccuparla è soprattutto l’evento veneziano, «per me importante e sorprendente perché là ho costruito la mia carriera, e perché occupo un ruolo che di solito è affidato ad attrici molto più famose», preceduto dall’evento romano, sabato, nella cornice decisamente più tranquillizzante del Gay Village all’Eur,dove verrà proiettato ancheil film Viola di mare. «Vediamo cosa succederà – dice lei – so bene che non si può piacere a tutti». In giro tutta l’estate per la penisola, dal Veneto alla Sicilia dove girerà una puntata della fiction Montalbano, la palermitana Ragonese fa tappa volentieri nella Capitale: «Ad agosto Roma è splendida, adoro andarmene in giro la notte e godermela tutta vuota. L’estate è il momento migliore per scoprire posti nuovi e questa città è piena di luoghi nascosti. Solo che a volte, per scoprirli, devi letteralmente perderti». Il suo talento, sempre più internazionale, la porterà lontano: «Ma io sono e resto molto siciliana. Roma è il lavoro, Palermo è casa». -leggo-