Paul vede gli iberici campioni

Il polpo Paul è diventato ormai un simbolo di questi mondiali sudafricani. Dalla sua vasca di Oberhausen, in Germania, non ha mai sbagliato, fin ad ora, un pronostico sulle partite della rassegna iridata. Così, ieri mattina, nell’acquario della cittadina tedesca, circondato da giornalisti e soliti curiosi, il buon Paul ha dato l’esito anche delle due finali dei Mondiali. Quella di consolazione per il 3° posto, che vede la Germania opposta all’Uruguay, andrà a Klose e compagni. Mentre sarà la Spagna che si laurearsi Campione del Mondo ai danni dell’Olanda. La piovra non ha avuto alcun dubbio nella sua previsione. Senza esitare e perdere un colpo, Paul ha aperto la scatola con la bandiera della Spagna e mangiato tutte le cozze e le vongole che erano dentro lasciando perdere il box con la bandiera olandese. Qual è l’affidabilità di Paul? In questa Coppa del Mondo, è al 100%. Ha indovinato tutti i pronostici della Germania, sia le vittorie (Australia, Ghana, Inghilterra e Argentina) che le sconfitte (Serbia e Spagna). Il polpo ha due anni e mezzo, pesa 700 grammi ed è nato in Inghilterra, con nove cervelli e tre cuori, Paul è diventato la stella della Coppa del mondo e, ora, l’eroe popolare in Spagna, dopo aver predetto il passaggio delle Furie Rosse in finale. -epolis-