Droga e tangenti, si allunga la liste delle ragazze dello spettacolo coinvolte

«Sì, mi è capitato di fare uso di cocaina insieme ad altre persone tra cui Elisabetta Canalis, un tale Camillo Saviola, un certo Eliseo ed anche un tale Gianfri ed altre persone dello spettacolo, normalmente si tratta del cosiddetto giro del The Club». Non si arresta il flusso di notizie che coinvolgono nomi noti dello star system nell’inchiesta per droga e corruzione che ha portato al sequestro dell’Hollywood e del The Club. Le ultime rivelazioni arrivano dal verbale di interrogatorio di Karima M, una modella parigina di 26 anni sentita ad ottobre dal pm Frank Di Maio. La testimonianza di Karima è contenuta nella richiesta di custodia cautelare che il pm ha inviato al gip Giulia Turri. Karima ha raccontato di essere arrivata in Italia un anno e 8 mesi prima «con l’intenzione di fare la modella» e che poi per procurarsi da vivere, si improvvisò ballerina di lap dance in un locale milanese finendo poi col prostituirsi. Ha spiegato al pm di essere «una frequentatrice assidua del The Club, dove di droga ne circola parecchia». «Io frequento il privé – ha spiegato -. In alcune occasioni, l’ultima mi pare a maggio 2008, l’ho consumata ai tavoli del privè in quanto l’ho acquistata da un giovane di 27anni che la vende ai clienti all’interno del locale». Cocaina a fiumi, certo, ma non solo. Dalle carte emerge anche un giro di escort. Ragazze brasiliane, cubane, rumene, italiane, molte giovanissime, che venivano mandate altavolo comeragazza immagine. «In realtà – ha raccontato una di loro – tutte sapevamo che la serata sarebbe finita in un motel con prestazioni sessuali a pagamento. Spesso si faceva uso di coca». I prezzi variavano dai 300 fino a mille euro. Anche un poliziotto ai tempi in servizio presso il commissariato Garibaldi di Milano avrebbe procurato le escort. I 5 arrestati verranno interrogati stamattina davanti al gip Giulia Turri. Si tratta di Alberto Baldaccini e Davide Guglielmini, soci delle due società che gestiscono i due locali sotto sequestro; Andrea Gallesi, responsabile del privé dell’Hollywood; Aldo Centonze, dipendente del demanio del Comune e Rodolfo Citterio, della commissione di vigilanza e già presidente del Silb. -dnews-