Collaborazione al federalismo o blocco dei fondi

Meno soldi ai comuni che non appoggiano la riforma federale. Manovra, coro di no. E’ muro contro muro tra gli enti locali e il governo. Blocco ai fondi per i Comuni e per le Province che non collaborano all’attuazione del federalismo. Lo prevede la bozza del decreto legislativo che è stato esaminato ieri in Consiglio dei ministri. Il testo stabilisce, infatti, che la Sose (Società per gli studi di settore) possa chiedere ai comuni e alle province di fornire, entro 60 giorni, tutti i dati necessari alla definizione dei fabbisogni standard. Chi non dovesse collaborare sarà «sanzionato con il blocco, sino all’adempimento dell’obbligo, dei trasferimenti a qualunque titolo erogati». Regioni, comuni e province intanto bocciano la manovra economica, convinti che i tagli vadano rimodulati e che la manovra pesi eccessivamente sugli enti periferici piuttosto che sulle amministrazioni centrali. Con questo parere regioni ed enti locali hanno formalmente sancito la loro posizione, che peserà sulla ripresa del dialogo con il governo annunciato per settembre. -leggo.it-