P3, Napolitano investe il Csm

Sarà il Csm nella sua nuova composizione ad occuparsi dei magistrati coinvolti nelle indagini sulla cosiddetta P3. Lo ha chiesto il Capo dello Stato che presiede anche l’organo di autogoverno della magistratura. L’inchiesta sulla P3 ha rivelato manovre nei confronti di componenti del Csm per favorire la nomina di Alfonso Marra a presidente della Corte d’Appello di Milano. Secondo il Quirinale, dunque, serve la serenità di un nuovo plenum per pronunciarsi sulla delicata questione. Il mandato dell’attuale Consiglio scade il 31 luglio e Napolitano esorta a fare presto, ma è lontana l’intesa fra maggioranza e opposizione per eleggere gli 8 membri non togati. Intanto, l’indagato principale nell’inchiesta sulla P3, il 78enne Carboni, verrà trasferito dal carcere ad un centro diagnostico-terapeutico a causa delle condizioni di salute a rischio. Quello che tutti attendono dall’indagine è ormai l’iscrizione di altri nomi nel registro degli indagati che ha già fatto “vittime” eccellenti come il sottosegretario Cosentino costretto alle dimissioni. Previsti tra qualche giorno anche gli interrogatori di personaggi i cui nomi compaiono nelle intercettazioni. Tra gli altri, il sottosegretario alla Giustizia Caliendo, l’ex presidente della Corte di Cassazione Carbone, il governatore della Lombardia Formigoni. -leggo.it-