Petrolio, no a trivellazioni entro 5 miglia dalla costa

L’ombra del disastro ambientale provocato dalla marea nera nel Golfo del Messico arriva a far paura anche in Italia, dove il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, ha annunciato il divieto di trivellazione nei nostri mari, in una fascia di 5 miglia per tutte le coste nazionali, allargato a 12 miglia attorno al perimetro delle aree marine protette. Al di fuori di queste aree, le attività di ricerca ed estrazione di idrocarburi saranno tutte sottoposte a valutazione di impatto ambientale. «Abbiamo inserito norme chiare a difesa del nostro mare e dei nostri gioielli naturalistici – ha dichiarato la Prestigiacomo-, colmando un vuoto normativo che nel recente passato ha suscitato timori nelle comunità locali». Nel frattempo, i lavori di pulizia del petrolio nel Golfo del Messico, sonostati rallentati dall’arrivo di “Alex ”, il primo uragano della stagione atlantica che, pur non facendo rotta verso la zona della marea nera, ha creato onde di 4 metri che costringono le navi che “scremano” il greggio dalla superficie a trovare rifugio nei porti. -dnews-