Lecce, strangola il figlio di 2 anni

Una telefonata agghiacciante: «Vieni, ho ucciso tuo figlio». Così un 25enne ha avvisato la convivente di 23 anni dopo aver strangolato con una corda e poi sgozzato con un coltello da cucina il loro figlio di due anni. La tragedia si è consumata ieri pomeriggio in Salento, a Torre San Giovanni, sul litorale di Ugento. Un raptus omicida che sarebbe stato scatenato da un litigio tra la coppia. L’ennesimo battibecco. Pare infatti che già da qualche tempo ci fossero incomprensioni e dissidi tra i due conviventi e le rispettive famiglie. Il 25enne, laureatosi a marzo e con un lavoro saltuario, ha cercato il suicidio tagliandosi le vene, ingerendo dell’acido e cospargendosi il corpo di liquido infiammabile, ma è stato salvato dai carabinieri. Trovata una lettera. -leggo.it-