Nesta rottura del tendine, rientro entro fine stagione

Rottura del tendine del ginocchio destro per Alessandro Nesta. Questo il responso della visita effettuata a Roma dal professor Mariani a Villa Stuart. È stato lo stesso Nesta a parlare della diagnosi spiegando:"Ho questo tendine rotto, valuteremo se operare o effettuare una terapia conservativa, questa rottura probabilmente è avvenuta in due partite diverse e per questo adessso dovrò restare fermo e valutare l’intervento, se mi opero forse riesco a rientrare entro la fine della stagione". Entro pochi giorni il difensore deciderà se operarsi a Roma.

Nesta rischia uno stop di tre mesi

Il ginocchio che lievita, lui che fa capolino nella stanza del dottor Manara e impreca con il suo accento romano. Nesta in versione inglese è questo e basta. Ma dietro al forfait di Nesta nella sfida con lo United c’è un mondo intero, fatto di facce sconosciute che fanno anche loro capolino su quella soglia. Leonardo non è uno che si scompone, l’abbiamo capito, ma se deve allestire una ghigliottina, fidatevi, non ha problemi di sorta. Non l’ha presa bene e lo staff medico del Milan non è esattamente al riparo da eventuali terremoti. Detto questo, resta la situazione clinica. Stamattina Nesta è a Roma, a “Villa Stuart” dal Professor Mariani; anche questo è sufficientemente emblematico. Il problema pare essere al comparto esterno del ginocchio, menisco o quant’altro si saprà nelle prossime ore. Quel che è certo è che rischia un lungo stop, da uno a tre mesi, con tanto di operazione difficile da scongiurare. E pensando a Pato, pure lui fuori ancora per almeno una settimana, la situazione prende pieghe sinistre. Senza quei due, che ne sarà del Milan? Bella domanda. Che la rincorsa all’Inter si faccia proibitiva un pezzo di più è innegabile. Leo abbozza, altro non può fare, ma la malinconia è già presente.