Gelo e neve mettono l’Italia in ginocchio

Auto bloccate dalla neve in autostrada, poi il gelo: la Protezione Civile ha emesso una nuova allerta meteo prevedendo un abbassamento delle temperature. E mentre il Nord è imbiancato (l’aeroporto di Bologna è stato chiuso alcune ore per neve) e ha nevicato per oltre 30 ore su mille chilometri di autostrada, al sud sono previsti ancora temporali. L’Ispettorato di Vigilanza sulle Concessioni Autostradali dell’Anas ha aperto una verifica ispettiva sull’odissea di centinaia di automobilisti bloccati la scorsa notte sulla Roma- L’Aquila. Un «vero e proprio incubo durato tantissime ore» commentano, con rabbia, gli automobilisti dell’A24. Il giorno dopo il blocco delle due autostrade, il maltempo continua a far danni in un’Italia messa in ginocchio. In Sicilia la pioggia ha causato nuove esondazioni, come quella del fiume Torto, tra Termini Imerese e Trabia. Gravi problemi per il fango anche a Messina dove è crollato il tetto del reparto di ginecologia dell’ospedale “Papardo ”, detriti hanno invaso alcune case e il palazzo della Procura è allagato. A Cosenza un appartamento è stato invaso da pietre e fango, mentre a Catanzaro una franahaportato all’evacuazione di 300 persone. Smottamenti e frane nel Salernitano e in Irpinia. Mentre rimane paralizzato dalla Bora (che ha toccato i 152 chilometri orari) il porto di Trieste, una violenta mareggiata ha danneggiato il porto di Civitanova Marche, in parte transennato. AVenezia il forte vento ha causato la morte di un anziano facendolo finire nelle acque davanti al Tempietto Votivo.