Rifiuti, incentivi alle ditte virtuose

Incentivi per contrastare la piaga delle discariche abusive che compromettono l’integrità ambientale di molte aree verdi e di molti comuni del Lazio. Il sistema di premialità sarà applicato negli appalti pubblici per le aziende che presentano una certificazione di regolare smaltimento dei rifiuti. È la proposta lanciata da Marco Mattei, assessore all’A mbiente e sviluppo sostenibile della Regione Lazio, nel corso della tavola rotonda fra istituzioni ed imprese del settore delle costruzioni nella sede di Unindustria. «Le discariche abusive di materiale edilizio e di altri scarti – spiega Mattei – rappresentano un vero problema per l’integrità ambientale dei parchi regionali, delle aree verdi e di quelle porzioni di territorio dei comuni difficilmente controllabili. A ciò si aggiunge che la bonifica di questi siti comporta spese rilevanti per la comunità. Per questo stiamo pensando ad una soluzione legislativa che da una parte renda obbligatoria la certificazione di smaltimento e dall’altra premi le aziende virtuose con una corsia preferenziale per la partecipazione alle gare con la pubblica amministrazione. Il tutto rientra in quel concetto di sviluppo sostenibile in grado di conciliare la crescita economica con la tutela dell’ambien – te tenacemente perseguito dalla Giunta Polverini». Il progetto, finanziato dalla Unione Europea e dalla Regione Lazio, è il primo a prevedere l’organizzazione di due eco-distretti industriali, uno nella Provincia di Rieti ed uno nell’area dei Castelli Romani. I vantaggi per le imprese sono molteplici, come la riduzione dei costi di gestione e d’acquisto delle materie prime. Una borsa telematica inoltre mette in contatto le aziende permettendo alle une di cedere i propri scarti e alle altre di acquisirli per dare vita a nuovi prodotti. -Dnews-