FB e Twitter, la Capitale fa progressi

Roma “social”. Secondo una ricerca di Vincenzo Cosenza e Giovanni Arata sulla presenza dei comuni capoluogo sui social network, la metà dei comuni capoluogo non è presente su Facebook e circa i 2/3 non è presente su Twitter. Ciò significa che le amministrazioni ancora faticano a misurarsi col mondo dei social media. Tuttavia Roma sta meglio di altri: l’amministrazione capitolina, nonostante il grado di complessità della struttura organizzativa dell’ente, è presente su entrambi i fronti, il che colloca Roma Capitale tra coloro che hanno cercato di allinearsi in tempi rapidi alla “tendenza social”. «Andando in concreto sui dati, emerge che il nostro account Twitter è quello che cresce più di tutti in relazione al tempo trascorso dall’apertura – commenta Luigi Di Gregorio, responsabile della comunicazione istituzionale del comune – oggi siamo sopra i 10 mila follower in 10 mesi di vita. Emerge anche che siamo i più attivi, cioè quelli che twittano più di tutti, il che è a mio avviso spiegabile dal fatto che siamo la Capitale. Il livello di engagement è molto buono complessivamente, siamo secondi solo a Milano. Vuol dire che oltre a crescere in termini di numeri assoluti, stiamo crescendo anche in termini di “relazione” con gli utenti». Su Facebook, «siamo più indietro in termini di fan, anche perché la nostra pagina ufficiale ha solo 5 mesi di vita. Tuttavia, emerge un buon livello di engagement anche lì. Personalmente ritengo che, specie per le grandi città, occorra una social media policy ben chiara a monte – cosa che noi abbiamo fatto – e un percorso di “crescita condivisa” con gli utenti». -Dnews-