«L’Imu? Ne chiedo l’abolizione»

«Chiediamo l’abolizione dell’Imu sulla prima casa, non un euro di quei soldi resta nelle casse comunali. Di fronte a una edilizia che si sta bloccando, di fronte alle famiglie colpite dobbiamo trovare altre strade». Il sindaco, Gianni Alemanno, durante un’iniziativa elettorale ieri, ha ribadito la sua contrarietà all’imposta sulla casa reintrodotta dal governo Monti. «Io preferisco una patrimoniale sui grandi patrimoni che una tassa sulla prima casa». Il sindaco torna a sottolineare la sua posizione in materia. Era stato ancora più netto a margine del comitato direttivo dell’Anci, che si è svolto in Campidoglio lo scorso dicembre: «Una seria operazione di patrimoniale, sui grandi patrimoni superiori a due milioni di euro, permetterebbe tranquillamente di azzerare l’Imu sulla prima casa», aveva puntualizzato. Durante l’i niziativa Alemanno ha detto la sua anche sul candidato del centrodestra alla Regione, Francesco Storace, definendolo «la miglior garanzia per la Regione». «Con Storace c’è una lunga amicizia – continua Alemanno – ci conosciamo da tanti anni, a volte abbiamo litigato. Di lui ho tante immagini, ma quella che mi fa dire che è la persona giusta per il Lazio è la dignità quando si è dovuto dimettere da ministro. Andò avanti per la sua strada, ha continuato a fare politica. A Storace si può dire tutto tranne che non sia una persona vera». -Dnews/Teresa Vinci-