Nipote di Boniek cade in un pozzo salvata dal difensore laziale Zauri

La bambina era sulla copertura provvisoria di un tombino. Decisivo l’aiuto del calciatore. Un calciatore della Lazio che salva la nipote dell’ex campione della Roma. È quello che è accaduto domenica pomeriggio in un noto ristorante nella zona di Ponte Milvio: l’inter – vento del difensore biancoceleste Luciano Zauri è riuscito a mettere in salvo la nipotina di Zbigniew Boniek, negli anni Ottanta protagonista con la maglia giallorossa. La bambina, che ha sette anni ed è figlia di Karolina Boniek e dell’ex tennista Vincenzo Santopadre, si trovava nel locale con i genitori ed è caduta accidentalmente in un pozzo profondo quattro metri: grazie al coraggio di alcune persone, tra le quali Zauri, la bimba è stata tirata fuori evitando una trag edia. Tutto è accaduto nel primo pomeriggio. La piccola si trovava nel bagno del locale e si stava specchiando. Probabilmente non si è accorta di avere sotto i piedi una tavola che era stata posta come chiusino provvisorio. Secondo la ricostruzione degli agenti del commissariato Ponte Milvio, improvvisamente la copertura ha ceduto e la bimba è precipitata nel pozzo: le sue urla di terrore hanno attirato l’atten – zione delle altre persone che si trovavano nel ristorante, intervenute subito per soccorrerla e tranquillizzarla. Rischiava di annegare così, prima dell’arrivo dei soccorsi, il difensore della Lazio si è fatto calare all’interno e, aiutandosi con una corda, è riuscito a tirare a sé la bambina. Portata al policlinico Gemelli per essere medicata, la nipote di Boniek è apparsa subito in buone condizioni: se l’è cavata con un grosso spavento e qualche escoriazione. La polizia indaga per stabilire se si sia trattato di una tragica fatalità o se i gestori del locale non abbiano rispettato le norme di sicurezza coprendo provvisoriamente il tombino. -Dnews/Andrea Luzzi-