Kellogg’s, cereali ritirati

Kellogg’s ritira confezioni di cereali. La Food and Drug Administration (Fda) ha annunciato il ritiro di milioni di confezioni di cereali per la prima colazione: i “Frosted mini wheats” della Kellogg’s. All’origine della clamorosa iniziativa c’è la possibilità che, durante la lavorazione, dei pezzetti di metallo siano finiti nel prodotto. Sia la Kellogg’s che la Fda hanno reso noti sui loro siti i numeri dei lotti coinvolti, dando così la possibilità di controllare ai consumatori che hanno acquistato il prodotto. È un’operazione di trasparenza, in uso negli Stati Uniti, che purtroppo non troviamo in paesi come il nostro dove, nonostante il verificarsi di casi del genere, le autorità sanitarie non informano a sufficienza i cittadini. Tornando, invece, agli States, dove fortunatamente da parte dei consumatori non sono stati segnalati incidenti, la Kellogg’s attraverso le pagine del proprio sito a comunicato che l’intera operazione di ritiro dei “Frosted mini wheats” costerà tra i 20 e i 30 milioni di dollari. Un incidente pagato davvero a caro prezzo. -ilSalvagente-