La Roma ha tre colpi in canna ma deve dire addio a Destro

La Roma ha tre colpi in canna ma deve dire addio a Destro. Sette giorni al raduno di Trigoria, ma ancora nessun volto nuovo all’orizzonte. «A breve formalizzeremo tre acquisti», fanno sapere da Trigoria. Dodò sarà annunciato entro questo fine settimana, anche l’affare Castan è vicino alla conclusione. Il 4 luglio giocherà con la maglia del Corinthians la finale di ritorno della Libertadores contro il Boca Juniors e può essere tesserato il giorno dopo sela Roma farà valere la sua opzione. Sul fronte difensori, infatti, regna molta incertezza. Heinze, ad esempio. L’argentino ha automaticamente rinnovato il contratto fino al 2013, ma a fine campionato ha fatto sapere di essere intenzionato a tornare a giocare in patria. A ieri, tuttavia, ai dirigenti non era arrivata nessuna comunicazione in merito, quindi la sua presenza a Riscone è probabile. Kjaer resterà soltanto alle condizioni della Roma (il Wolfsburg vuole 7 milioni), mentre il dg Baldini è interessato alla coppia centrale del San Paolo: Uvini e Rhodolfo. Interessanti sia per il costo (tra i 5 egli 8 milioni) sia per lo status da comunitario (a differenza di Castan). Costa molto di più Ogbonna, ma la Roma è sempre sul nazionale azzurro, come ha confermato il suo agente Branchini. Inoltre, Zeman ha chiesto Manolev, laterale destro del Psv e l’ex Grillo, ora al Varese. In stand by la situazione Marquinho: il Fluminense ha rifiutato l’offerta di 2,6 milioni per il suo riscatto. In realtà la proposta è una mossa strategica perguadagnare tempo e sondare le alternative (Casemiro). C’è tempo fino al 30 giugno per tesserarlo da comunitario e l’eventuale controfferta è attesa entro venerdì. Atal proposito il ds Sabatini sta sondando alcune piste in Italia e ha richiesto informazioni su Nainggolan: costa una decina di milioni. I 5 investiti su Borini e la mancanza di offerte concrete per Osvaldo allontanano Destro dalla Roma: «Mattia è cercato da tante squadre, ma non sarà giallorosso», ha assicurato Renzo Contratto, il suo agente. Intanto è attesa per sabato la short-list elaborata dall’advisor Cushman riguardante le 4-5 possibili aree, dove costruire l’impianto di proprietà: Tor di Valle sarebbe in pole. -Dnews/V. Nasetti-