Il venerdì nero dei trasporti: metrò e treni ko

Italia a rischio paralisi. È stato confermato dai sindacati per domani lo sciopero nazionale di quattro ore nel trasporto pubblico locale e ferroviario. La protesta è stata indetta in modo unitario da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Orsa Trasporti, Faisa e Fast per sostenere «il negoziato sul nuovo contratto della mobilità che interessa il personale del trasporto pubblico locale e ferroviario». Lo sciopero si svolgerà tra le 10 e le 14 nel settore ferroviario, mentre per il trasporto pubblico locale le modalità e gli orari sono stabilite dalle singole città. La sospensione della circolazione di metro e bus a Roma si verificherà dalle 8.30 alle 12.30, a Milano dalle 18 alle 22 e a Bologna dalle 12.30 alle 16.30. A Napoli lo scioperò interesserà la fascia oraria dalle 9 alle 13 e a Firenze dalle 17 alle 21. A Torino, dove è confermato lo svolgimento dell’assemblea nazionale di quadri e delegati di autoferrotranvieri, lo sciopero si svolgerà dalle 17.45 alle21.45. I sindacati assicurano che comunque il servizio si svolgerà nelle fasce orarie di garanzia e che saranno tutelati i servizi minimi.