L’Inter vince ma col brivido

L’Inter vince ma col brivido il solito Milito ribalta il Siena. Si prende uno spavento, ci mette un po’ a riprendersi, suda le fatidiche sette camicie, ma alla fine l’Inter di Stramaccioni riesce a battere il Siena e a guadagnare tre punti secchi sulla Lazio (e anche sul Napoli). La partita dei nerazzurri comincia subito male: dopo appena 7’ il Siena indovina il corridoio giusto su una ripartenza e al culmine di un’azione-flip – per, con Julio Cesar che fa due miracoli inutili su Destro e Brienza, D’Agostino ribadisce in rete per lo 0-1. Milito e compagni (che perdono Samuel per un problema all’adduttore, al suo posto Chivu) macinano gioco per tutto il primo tempo senza creare grosse occasioni, e per arrivare al pareggio ci vuole la complicità degli avversari: al 42’ zarate mette in mezzo, Pesoli sistema il pallone per Milito e il Principe – da due passi – insacca di testa per l’1-1. In avvio di ripresa l’Inter spinge forte, Zarate è molto ispirato e Milito va vicino alla doppietta personale. Il dominio territoriale dei nerazzurri è netto e il Siena riesce ad alleggerire la pressione solo con qualche folata del solito Destro. Poi, quando alla fine mancano otto giri di lancette, l’episodio decisivo: Nagatomo si procura un rigore, Milito (20° gol in campionato) lo trasforma e porta i suoi a sei punti dal terzo posto. La Champions non è più un miraggio. -Dnews/Montiroli-