Robin Williams verso i 60

A vederlo, con quell’espressione sempre confortante, non si direbbe mai che nel suo passato ci sono anche travagliati episodi legati all’abuso di droga. Erano gli anni Ottanta quando Robin Williams frequentava la cocaina («il modo che Dio ha per dirti che stai guadagnando troppi soldi»). Di tempo ne è passato, e ora che si prepara ai suoi 60 anni (21 luglio), chissà che tipo di bilanci farà. Quelli del pubblico che lo segue non possono che essere positivi. Uno degli interpreti più espressivi capace della versalità tipica dei grandi della sua generazione. Nonostante questo, è passato agli annali come uno degli artisti più divertenti di sempre (secondo l’Entertainment Weekly il più divertente) : sarà perché l’attitudine comica è quella che emerge prima delle altre, come ha confermato la sua recente partecipazione al David Letterman Show. Sullo schermo tornerà a breve dando voce a Ramon nel film animato “Happy Feet 2 in 3D” e poi prendendo parte cast del nuovo film “The wedding ”, commedia di Justin Zackman con Robert de Niro. Nella vita privata ha all’attivo due divorzi («parola che significa strappare i genitali di un uomo attraverso il suo portafogli»), tre figli e un’operazione alla valvola aortica del 2009. Quella professionale invece si muove tra gloria e personaggi passati alla storia, come l’appassionato professore de “L’attimo fuggente”, o il militare di “Good Morning Vietnam” e ancora il dottore di “Will Hunting” che gli valse il premio Oscar. E ancora la divertente maschera di “Mrs Doubtfire”, il generoso medico di “Patch Adams” o quello di “Risvegli”. Che poi, a guardar bene, che sia il vispo Peter Pan, o il marito distrutto di “Al di là dei sogni”, un po ’ di malinconia, in quello sguardo c’è. Incorniciata adesso da una barba bianca. -Dnews-