Consigliere Pdl finisce in cella: sorpreso con la mazzetta in tasca

Pescato letteralmente con la tangente in tasca. È successo a Milko Pennisi, e non è un personaggio di secondo piano nella politica milanese. Esponente del Pdl, 48 anni, ricopriva fino a ieri la carica di presidente della Commissione urbanistica di Palazzo Marino. E Pennisi è finito clamorosamente in carcere ieri pomeriggio, pizzicato dagli uomini della Guardia di finanza con la mazzetta ancora calda in tasca, mentre varcava un portone laterale di Palazzo Marinoper rientrare in Consiglio comunale. Era uscito poco prima dall’aula, dopo avere risposto all’appello, proprio per incontrare l’imprenditore che gli doveva versare una tangente di 5mila euro, seconda tranche di quanto richiesto – secondo gli investigatori – per favorire un progetto edilizio in zona Bovisa. La prima Pennisi l’aveva già intascata. Il saldo, invece, gli è stato fatale, anche perché il concusso nel frattempo aveva denunciato tutto alla Procura documentando le sue parole con un filmato.