La Russa fa lanciare volantini sugli afghani: io come D’Annunzio

«La Russa come D’Annunzio». È lo stesso ministro della Difesa a lanciarsi nell’ardito paragone, nell’euforia per la missione a Bala Murghab, sperduto avamposto dei militari italiani in Afghanistan. Dall’elicottero Chinoock che lo ha portato sul posto hanno lanciato 11 mila volantini per convincere gli afghani che gli insorti sono «la principale minaccia» per le loro famiglie. Con un fumetto a illustrare meglio per i numerosi analfabeti. Il riferimento di La Russa è al «volo su Vienna» compiuto il 9 agosto 1918 dal Vate, che fece le cose un po’ più in grande, impiegando 11 aerei e lanciando 50 mila manifestini. Il ministro ha poi dato anche un annuncio: «Ho parlato con il ministro dell’Economia per inserire nel decreto missioni un importo per arruolare personale in queste aree, in particolare 400 carabinieri. C’è bisogno di più addestratori».