Maroni: io come Sandokan? Querelo Saviano

Maroni: io come boss? Querelo Saviano. "Io come boss? Saviano smentisca o lo querelo". E’ la reazione del ministro dell’Interno Maroni allo scrittore che aveva detto: "Il ministro mi ha sfidato proprio come ha fatto il boss della camorra Sandokan Schiavone. E’ inquietante…". In precedenza Maroni aveva scherzato: "Se dovessero invitarmi andrò vestito da Sandokan…". Il ministro aveva anche confermato di aver scritto al presidente della Rai per chiedere una replica nella trasmissione ‘Vieni via con me’: "Aspetto le decisioni del CdA".

Boom d’ascolti e di polemiche per la seconda puntata di “Vieni via con me”, andato in onda lunedì su Raitre. Il programma di Fabio Fazio e Roberto Saviano è stato visto da 9 milioni di persone. Un risultato senza precedenti che però non è riuscito a placare le polemiche. L’intervento di Saviano in merito alla collusione tra la ‘ndrangheta e rappresentanti istituzionali lombardi ha scatenato una bufera. Il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, si è detto «offeso e indignato». Per questo ha chiesto alla Rai il «diritto di replica» e ha scritto anche ai presidenti di Camera, Senato, nonchè a Napolitano. Il caso finirà sul tavolo del Cda Rai, alla luce anche del rifiuto del capostruttura di Rai 3 Loris Mazzetti al faccia a faccia tra Maroni e Saviano, auspicato dal ministro. «Sono allarmato -ha detto Saviano – Io ho parlato di fatti, frutto di inchieste giu- diziaria. Fatti che dovrebbero preoccupare il ministro invece di spingerlo ad accusare chi li denuncia». «Se il ministro – ha detto il capostruttura di Rai 3 – ha qualcosa da dire può parlare in tutti i telegiornali. Senoi abbiamo detto cose non vere, si rivolga alla magistratura».