Crisi, il 14 dicembre il Parlamento al voto

Il Senato concluderà l’esame della legge di stabilità entro la prima decade di dicembre. La mattina del giorno 13 si svolgeranno al Senato le annunciate comunicazioni del governo, e alla Camera nel pomeriggio il dibattito sulla mozione di sfiducia presentata da Pd e Idv. Il giorno successivo avranno luogo le relative votazioni. Questo il calendario della crisi stilato al termine dell’incontro tra i presidenti di Camera e Senato, Fini e Schifani, e il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che auspica «una costruttiva intesa in proposito tra i Presidenti e tra gli organismi rappresentativi dei due rami del Parlamento». Proprio il 14 dicembre la Corte Costituzionale discuterà la causa sul legittimo impedimento, la norma ponte che rinvia per un massimo di 18 mesi i tre processi Mills, Mediaset e Mediatrade a carico del premier. E mentre il leader leghista Bossi giura che il governo durerà «fino al 27 marzo» (per permettere il via libera al Federalismo), il segretario democratico Bersani si dice perplesso sulle date: «Il governo si è preso 15 giorni di troppo, traccheggiando ancora».