Prandelli pronto a perdonare Cassano

A Ledesma che arriva (insieme a Ranocchia, Balzaretti e Diamanti) e a Balotelli, Aquilani e Santon che tornano, fa da contraltare l’assenza di Antonio Cassano. Prandelli ha deciso di escluderlo momentaneamente («non era giusto che un giocatore fuori squadra per motivi disciplinari fosse qui»), ma non ha intenzione di cancellare il barese dal progetto azzurro. «Avevamo sempre detto che Cassano va aiutato a crescere nelle difficoltà – spiega il ct – e credevamo che col matrimonio e l’attesa del figlio avesse risolto i suoi problemi. Ora non so cosa possa essere successo, Garrone mi sembra una persona degna di stimae seha presoquella decisione avrà i suoi motivi. Questa situazione crea problemi ai progetti che ho avviato in primavera, ma se Cassano tornerà a giocare e ad avere i comportamenti giusti, con la Samp o con un’altra squadra, tornerà anche in Nazionale».