Jackson senza tregua guerra sul nuovo cd

Non c’è pace per Michael Jackson. Il re del pop, scomparso il 25 giugno del 2009, è al centro di continue polemiche e diatribe tra famigliari, fan e case discografiche, tutti o quasi disposti a speculare sul suo nome. L’ultimo caso riguarda il disco di inediti – si presume tali – in uscita il 14 dicembre: 10 tracce mai ascoltate prima, di cui oggi la Epic pubblica in anteprima il singolo Hold my hand. Alle ore 11.20 di questa mattina, tutte le radio italiane trasmetteranno questo brano (in collaborazione) con Akon che farà da traino a Michael, album al quale Jacko sembra stesse lavorando prima della sua morte. Secondo il clan dell’artista, una nota scritta a mano indicherebbe il desiderio di Michael di pubblicare Hold my hand come primo singolo. Ancora incompiuta, la canzone è circolata su internet nel 2008. Il produttore Akon, che ha recentemente completato il pezzo, commenta così: «Il mondo non era ancora pronto ad ascoltare questo singolo quando uscì su internet due anni fa e questo ci turbò molto. Ora che è stata ultimata è finalmente giunto il momento ed è diventata una canzone incredibilmente emozionante. Sono profondamente orgoglioso d’aver avuto la possibilità di lavorare con Michael, uno dei miei idoli». Ma nonostante la Epic dica che la famiglia del re del pop sia d’accordo con questa che sembra una mera operazione commerciale per sfruttare il marchio MJ, i dubbi sul prodotto sono molteplici: secondo la madre Katherine, il produttore Eddie Cascio avrebbe aggiunto elementi alle canzoni consegnando brani falsi a Sony. Anche il padre Joseph e i due figli, Paris e Prince, sono certi che la voce nelle tracce non sarebbe sempre quella di Jackson, e della stessa opinione è il nipote TJ, figlio del fratello: «Linee vocali mescolate in maniera ingannevole a campioni presi da vecchi pezzi di MJ, non mi fregheranno mai». La Sony si dice certa dell’autenticità dei pezzi. L’unica cosa certa, per ora, è il business.