Suu Kyi, oggi atteso il rilascio della birmana

In Birmania sale l’attesa per il previsto rilascio di Aung San Suu Kyi, dopo sette anni ininterrotti di arresti domiciliari. La donna dovrebbe essere rilasciata oggi, dopo che ieri, per tutta la giornata si era sparsa la voce che sarebbe stata rilasciata in anticipo. Lanotizia trovavafondamentodal fattoche fonti della «Lega nazionale per la democrazia » (Nld), il partito guidato da Suu Kyi primadello scioglimento forzato per aver boicottato le elezioni del 7 novembre, avevano rivelato che i documenti relativi al rilascio erano stati firmati ieri mattina. Almeno 500 attivisti si sono subito radunati nella sede del partito nella speranza di accogliere il premio Nobel per la Pace, ma sono stati infine rimandati a casa quando ormai è parso improbabile il suo rilascio. Suu Kyi, , 65 anni di cui 15 degli ultimi 21 passati in detenzione, avrebbe dovuto essere liberata già nel maggio 2009, ma la breve ospitalità data a un intruso americano costò alla donna altri 18 mesi di detenzione, per aver violato i termini dei suoi arresti domiciliari.