Letizia Moratti a ruota libera al Chiambretti Night

Letizia Moratti a ruota libera al Chiambretti Night. Ha parlato un po’ di tutto, cominciando dalle primarie. «Non voterei per nessuno dei quattro – ha chiosato – perché non conosco i loro programmi. Si sono limitati a scannarsi, ma non hanno detto nulla di concreto». Quindi, ha annunciato di non volere l’albero di Natale di Tiffany in Duomo, stigmatizzato dalla Curia: «Non ne sapevo nulla, non mi sembra giusto e non si farà». Il dito di Cattelan, invece, per lei può rimanere. Quindi, la sua proposta di intitolare una via a Craxi, che ha deciso di accantonare per ora per prendersi tempo. Poi gli alleati per le sue elezioni: «Non ho da ricucire nulla fra finiani e berlusconiani: ho Pdl, Lega, Udc e finiani e vado avanti a lavorare come ho fatto. Certo, non vedo i futuristi allearsi a Vendola». Fronte Ambrogini: fosse per lei a Mourinho non lo darebbe: «Sono interista ma non ha voluto festeggiare con la città le vittorie». A Sgarbi l’Ambrogino lo darebbe, ma come critico d’arte e non come assessore: «E’ vero l’ho scelto io ma nella vita si sbaglia». E intanto, la macchina del Pdl per il sindaco si avvia: domani dalle 15 convegno sulla sicurezza organizzato dalla Lega a Palazzo Marino cui partecipa anche il ministro degli Interni Roberto Maroni. E domenica la kermesse al Nuovo, presenti il sindaco Letizia Moratti e alcuni ministri, per illustrare i risultati dell’amministrazione di Palazzo Marino e del governo.