Califano incontra la Polverini: per lei una canzone

Un incontro con la Poverini. Una canzone da scrivere e dedicarle. Un bar che provocatoriamente apre alle offerte per il cantante. E il sì dal governo ad avviare le pratiche per il sussidio. Protagonista: Califano. Il cantante nei giorni scorsi ha chiesto un aiuto allo Stato e invocato il sussidio previsto dalla legge Bacchelli. I circa 10 mila euro alsemestre che percepisce dalla Siae come diritti d’autore non gli bastano. Immediatamente ha risposto il mondo della politica. Tanto che ieri Califano ha incontrato la presidente della Regione, Polverini, pronta a coinvolgerlo in eventi musicali. Da parte sua, il cantante, commosso al termine dell’incontro, dice: «La Polverini è una gnocca, le dedicherò una canzone». E sulle critiche ricevute per le sua richiesta d’aiuto aggiunge: «A menon interessa il sussidio,ma solo una capanna dove potermi rifugiare la sera. Da mangiare melo trovo per strada». Il senatore Pdl, Domenico Gramazio spiega di aver parlato col ministro Bondi «che ha già dato disposizione di espletare tutte le pratiche necessarie», per quanto riguarda la concessione del sussidio. Intanto, il Bar Magia, in via dell’Acqua Bullicante, ha iniziato a raccogliere offerte per il cantante. «L’ho fatto provocatoriamente- dice il proprietario Marchione – ma, fra le risata, la gente ha comunque lasciato qualche centesimo. Se Califano è interessato, può venirli a prendere quando vuole ».