Berlusconi in Veneto: subito gli aiuti

Verona, Padova e Vicenza. Tre tappe del premier, Bossi, Bertolaso e del governatore Zaia ieri per tranquillizzare gli alluvionati e incontrare gli amministratori locali: gli aiuti saranno sostanziosi e immediati («Per il Veneto garantisco io, gli “sghei” arriveranno» ha detto Bossi). Tra fischi, applausi e contestazioni con cariche della polizia, soprattutto a Padova, Berlusconi ha assicurato che gli stanziamenti saranno inseriti in finanziaria; entro oggi, dopo aver parlato con Tremonti, il premier potrà essere più preciso. Soddisfatto Zaia, che tiene comunque sempre a portata di mano la carta dell’Irpef, da lasciare sul territorio se non arrivano gli aiuti. Preoccupato il suo omologo della Toscana, regione colpita dall’alluvione come il Veneto. «Sarebbe veramente grave che ci fossero due pesi e due misure» ha detto Enrico Rossi. Il problema sono però i fondi: ieri il ministro Tremonti ha incontrato i capigruppo del Pdl per parlare di Finanziaria. Le richieste dei vari ministri sono di due miliardi superiori alle risorse disponibili.