“Rottamatori”: grazie ai padri ma il futuro del Pd siamo noi

Se il Pdl mostra cedimenti, il Pd non gode di buona salute. A mettere in crisi i “vecchi” sono proprio i “giovani”, il “nuovo che avanza” capeggiato dal sindaco di Firenze, Renzi, alla testa dei cosiddetti “rottama – tori” riunitisi a Firenze. «Noi non siamo un pericolo per il Pd» e «abbiamo unito, non diviso »; non faremo «correnti o spifferi», abbiamo fatto una cosa «inedita ed entusiasmante » e abbiamo dimostrato che «la politica non è una parolaccia ». Lo ha detto Renzi, parlando con i giornalisti al termine della Convention dei Rottamatori. «A Bersani voglio dire tre cose: lui ci dice ‘amate la ditta’e noi amiamo la ditta. Ci dice che pretenderispetto e noi abbiamo rispetto. Ci dice che bisogna rispettare il solco», ma quel solco «non deve diventare una fossa: al passato dobbiamo dire grazie al futuro diciamo sì. Il futuro lop retendiamo».