Romeno 17enne distrugge a Roma una famiglia

Un sorpasso alla cieca, come in una roulette russa. Così un rumeno di 17 anni alla guida di un furgone ha distrutto una famiglia su una strada provinciale, la Ariana 500, ai Castelli Romani. In uno scontro frontale avvento intorno alle 18 di sabato è morto Roberto Palma, 42 anni, muratore, abitante nel paese di Artena. L’uomo era in macchina insieme al figlio, 12 anni, e alla moglie, Laura Valeri, rimasti gravemente feriti. Il 17enne, che era al volante di un Fiat Ducato, subito dopo l’incidente è scappato abbandonando il furgone, ma è stato arrestato dopo alcune ore dai carabinieri in una stazione ferroviaria. Il minorenne viaggiava insieme allo zio, a cui il Ducato risulta intestato: l’uomo è risultato positivo all’alcool e stando ai risultati delle prime indagini avrebbe chiesto al ragazzo di guidare perché aveva bevuto del vino. Il giovane pirata è stato arrestato per omicidio colposo, omissione di soccorso e guida senza patente. Indignazione e rabbia dei cittadini: «Quella strada pericolosa, ci sono stati altri morti».