Evacuato il palazzo della Motorizzazione 18 intossicati

Un fortissimo bruciore agli occhi, alla gola e tanta fatica a respirare. Ieri pomeriggio, all’improvviso non si respirava più negli uffici della Motorizzazione Civile di via Cilea. Quasi duecento persone persone sono state evacuate, diciassette sono state soccorse dagli operatori del 118 e una è finita in ospedale, per fortuna senza gravi conseguenze. La maggior parte erano dipendenti, ma tra loro c’era anche qualche cliente. Le esalazioni hanno invaso completamente l’ufficio per le immatricolazioni. Nessuno di loro ha sentito cattivo odore. Hanno solo avvertito un fortissimo bruciore agli occhi, che hanno iniziato a lacrimare all’improvviso. I vigili del fuoco sono rimasti sul posto per tutto il pomeriggio di ieri. Gli specialisti del Nucleo nucleare biologico chimico radiologico (Nbcr) hanno eseguito i rilievi e non hanno rilevato la presenza di sostanze chimiche o nocive. Alla Motorizzazione lavorano circa 200 persone e gli uffici erano tutti aperti. La polizia li ha fatti uscire tutti. L’impianto, tuttavia, era spento. C’erano una cinquantina di persone presenti nell’ufficio per le immatricolazioni. Per le persone visitate e risultate in salute è possibile che sia scattata una psicosi collettiva, una sorta di «effetto domino» alla notizia dei sintomi manifestati dagli altri colleghi e clienti.