Julia, il bisturi è napoletano

Julia Roberts schiava di pizza e mozzarella. Il chirurgo che l’ha operata: «Vip un intervento su 1.000». Julia, il bisturi è napoletano. Anche le star più belle hanno uno stomaco. Lo sa bene la magrissima Julia Roberts, che, lontana dal rassegnarsi alle conseguenze di una buona tavola, ha fatto ricorso a un ritocco estetico per recuperare la taglia 38. L’indiscrezione è circolata sui blog di mezzo mondo, ma finalmente la verità è venuta a galla. Nel periodo estivo Pretty Woman è stata impegnata nelle riprese del film Mangia, prega, ama in Italia, tra Roma e Napoli. Un’occasione per innamorarsi della cucina made in Italy, soprattutto delle specialità campane. Mozzarelle, pizza e parmigiana di melanzane sono state le protagoniste del menù dell’attrice, ingrassata di ben cinque chili in pochissimo tempo. Troppo per la diva più pagata dalle major, al punto da dover ammettere la sua ossessione: «A Napoli – ha raccontato la star a Entertainment Weekly – iniziavamo le riprese alle 8 del mattino. Alle 8.45 capitava che avevo già mangiato dieci pizze». La liposuzione è diventata quindi un’esigenza per Julia, che, a 43 anni, l’ha preferita a una normale dieta. Si è affidata a un noto e giovane chirurgo partenopeo, attivo presso la Seconda Università di Napoli. Un mago del bisturi ben referenziato, che ha preservato la bellezza di tante star, Paris Hilton su tutte, e che osserva la regola ferrea della privacy per le sue pazienti. «Le dive sono ossessionate dalla propria immagine – ha affermato il chirurgo – e hanno paura di confrontarsi con il tempo. Una paziente su mille è una celebrità». Ma le casalinghe non disperino: interventi di estetica sono disponibili per tutte le tasche: «Anche il nostro settore risente della crisi. In tanti preferiscono rimandare il ritocco a momenti economici più facili. Ma, credetemi, nella maggior parte dei casi la spesa è minima». leggo-