«Maricica? Persona mite e tranquilla» «Ma Alessio è un bravo ragazzo, non un teppista»

E’ un’infermiera professionista, Maricica Hahaianu, impegnata ogni giorno con i pazienti della clinica fisiatrica Villa Fulvia, sulla via Appia nuova, al Quarto Miglio, dove in molti ieri si interrogavano increduli sull’accaduto. Maricica, rispettata e ben voluta dai colleghi, viene da molti definita «una ragazza tranquilla che non ha mai dato problemi e carinissima con i pazienti. Non ci possiamo credere – assicurano – quell’uomo deve averle detto o fatto qualcosa di grave per farla reagire».
Alessio Burtone, responsabile dell’aggressione che ha ridotto in coma la giovane donna romena, ha solo 20 anni ed una denuncia in passato per lesioni. Sotto choc l’intera famiglia: il padre sabato è andato al Policlinico Casilino per parlare con i medici mentre la madre ha assicurato: «Tutti noi preghiamo perché quella donna possa riprendere la sua vita». Ma è la sorella, Claudia Burtone, 26 anni, a riportare le parole del fratello: «A suo nome chiediamo scusa alla ragazza, quello per Alessio era il primo giorno di lavoro di volantinaggio: stava tornando a casa». Il legale Fabrizio Gallo ha sottolineato che «Alessio è un bravo ragazzo, sta realizzando quello che è successo e si è chiuso in un mutismo completo, ha reagito per paura». leggo-