Italia senza idee non va oltre lo 0-0

A Belfast gli azzurri senza idee non vanno oltre lo 0-0. Bene Mauri, Pepe delude. Una piccola Italia ottiene un piccolo 0-0 a Belfast contro l’Irlanda del Nord ma puntella la prima piazza nel girone. Né Borriello né Pazzini: l’Italia a Belfast produce gioco e azioni senza finalizzare. Una prova discreta quella degli azzurri contro l’Irlanda del Nord, ma la prestazione va anche letta come un passo indietro rispetto alle due precedenti vittorie contro l’Estonia e Far Oer: meno convinzione, assenza di spettacolo e in particolare troppi errori sotto rete. Cassano è ispirato parzialmente e la punta giallorossa fallisce almeno un paio di occassioni clamorose nel primo tempo costringendo il ct alla sostituzione nella ripresa con il Pazzo. Pazzini non farà però di meglio: anche lui sbaglia un colpo di testa a due passi dalla porta per la disperazione del suo compagno di club. Prandelli può comunque sorridere. I suoi mostrano buone geometrie e un ricercato equilibrio tra i reparti; la difesa, tranne un grosso spavento nel finale, non è poi squasi mai stata in apprensione. Maggiore preoccupazione ci sarà invece martedì sera quando, tra le mura casalinghe di Marassi, arriverà la temibile Serbia guidata da Krasic, sconfitta dall’Estonia.