«Mai minacciate le elezioni»

Berlusconi: «Federalismo entro marzo, mi fido dei finiani» «Mai minacciate le elezioni». «Mai minacciato elezioni anticipate». Il premier Berlusconi, nella conferenza stampa convocata a sorpresa a Palazzo Chigi, dice chiaramente che «sarebbero un guaio» perché, deve ammettere, «aprirebbero la strada a un governo tecnico». E per dare più forza alle sue affermazioni annuncia che ci saranno cinque Consigli dei Ministri, uno per ogni punto programmatico. A cominciare già da oggi, quando sarà approvato il decreto legislativo sul federalismo. Una riforma che, secondo il premier, sarà approvata in via definitiva «al massimo entro il 5 marzo 2011». Un modo forse per acquietare gli alleati leghisti che continuano a spingere per le elezioni. Perché invece Berlusconi è apparso impegnato a garantire la vita del governo e ha annunciato che invierà ad oltre 10 milioni di famiglie un volume che racconta le cose fatte in questi due anni. Nell’altalena della politica, dunque, quella di ieri è stata una giornata di tregue e aperture. Il Cavaliere si è detto convinto della lealtà dei finiani e loro hanno annunciato che diranno sì, anche se senza enfasi, al lodo Alfano costituzionale. Inoltre sono state confermate tutte le presidenze delle commissioni, comprese quelle affidate ad esponenti di Futuro e libertà. Nel Partito democratico si pensa alle elezioni e aumentano i fan di Luca Cordero di Montezemolo come candidato premier. leggo-