Bazooka davanti al tribunale, Reggio choc

Sfida della ’ndrangheta al procuratore Pignatone. Militari presto in città. REGGIO CALABRIA – Un bazooka è stato trovato dalla polizia davanti al Tribunale di Reggio Calabria, dopo una telefonata anonima in cui sono state rivolte minacce contro il procuratore Giuseppe Pignatone. In seguito alla telefonata, la polizia ha scoperto il bazooka nella zona di San Giorgio. «C’è una sorpresa per il procuratore Pignatone, andate a vedere» ha detto l’ignoto messaggero della ‘ndrangheta. E la «sorpresa» c’era davvero: un bazooka abbandonato sotto un materasso, seppur non in grado più di sparare, in quanto monouso e già utilizzato. Un’escalation di tensione e minacce che, adesso, potrebbe portare l’esercito a Reggio Calabria. Il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocato per oggi, potrebbe prendere in considerazione, infatti, l’ipotesi di chiedere al ministro della Difesa di inviare i militari per la vigilanza di obiettivi sensibili. La Russa, da parte sua, si è detto «disponibile all’invio dell’esercito per la protezione del tribunale di Reggio Calabria. Minelli/leggo-