L’Inter all’assalto di Torres

L’Inter ha fame di gol e il prescelto per saziare i tifosi nerazzurri potrebbe essere Fernando Torres. Lo spagnolo sarebbe il primo vero colpo dell’era Benitez che, dopo la carestia estiva, ritroverebbe uno dei suoi fedelissimi di Liverpool capace di garantire una media gol da primato. Per fare il vero salto di qualità in campionato e in Champions non basta il solo Eto’o. Visti i problemi in zona offensiva di Milito e la scarsezza di peso offensivo di Coutinho, emersi anche l’altra sera a San Siro contro la Juve, l’attacco nerazzurro ha una grande necessità di rinforzi di qualità dopo l’addio di Mario Balotelli, il cui tesoretto incassato da Moratti non è stato ancora investito sul mercato. Torres dal mondiale sudafricano in poi non è ancora risorto sui livelli a cui aveva abituato i suoi fan, ma è un giovane di sicuro valore che, considerate la pesante crisi economica e la precaria posizione in classifica del Liverpool di Hodgson, potrebbe partire a gennaio di fronte all’offerta giusta. Moratti sarebbe pronto a mettere sul piatto 30 milioni di euro più il cartellino di Muntari, che ha fatto capire di non gradire la gestione Benitez abbandonando lo stadio non appena saputo di non essere impiegato contro la Juve. Il ghanese, arrivato a Milano per 15 milioni, era già stato offerto ai Reds nell’ambito dell’operazione Kuyt, ma ora potrebbe prendere la via dell’Inghilterra a fronte di una riduzione dell’alto ingaggio, di cui l’inter non vede l’ora di liberarsi. Come prima alternativa per gennaio a Torres, dalla Spagna si fa di nuovo il nome di Luis Fabiano, in estate vicino al Milan, o in alternativa di Ramirez del Bologna, mentre per il centrocampo in Catalogna si parla dell’interessamento per il giovane Ander Herrera del Real Saragozza, mentre per la difesa spunta tedesco Marcel Schmelzer classe 1988 del Borussia Dortmund, ma solo per giugno. leggo-