«Ci pagherà i lavori» Via all’azione legale nei confronti di Bossi

«Gli interventi per la rimozione delle barriere architettoniche nella capitale? Magari in futuro una parte li pagherà Umberto Bossi, così impara a fare battute di dubbio gusto». Non scherza l’assessore ai Lavori Pubblici di Roma Capitale Fabrizio Ghera, che annuncia di aver dato mandato ai suoi legali di studiare la possibilità di intraprendere un’azione legale contro il ministro per le Riforme, dopo la sua battuta sul significato dell’acronimo SPQR. Qualora esistessero i margini per una denuncia per diffamazione, spiega Ghera «se vincessimo un eventuale processo i soldi che Bossi ci dovrebbe dare potremmo investirli anche nei lavori pubblici». E le ultime dichiarazioni di Bossi hanno portato il Pd a preparare un testo (sarà illustrato oggi) per denunciare il Senatur, con raccolta firme aperta «a chiunque pensa che il ministro abbia offeso la storia, la dignità della capitale e dei suoi cittadini». Ancora ieri gli organi della Lega hanno continuato nella crociata del loro padrone. Il quotidiano “La Padania”, uscito col titolo “Il Nord si incazza, ha pubblicato il testo di una canzone di Alberto Fortis con le parole “E vi odio voi romani, io vi odio tutti quanti”. Su Radio Padania è andato invece in onda un pezzo di tale Valerio Manni, presunto cantautore torinese, dal titolo Spqr e con frasi come “Vogliono il Gran Premio ma non glielo daremo”, “correte sulle bighe”, “a Monza ci vedremo e in c…ve lo daremo”. «A Radio Padania dovrebbe essere revocata l’autorizzazione a trasmettere», ha tuonato il consigliere Pd Marco Palumbo.