Allarme rifiuti a Napoli assediate strade e scuole

«Non si capisce per quale ragione oggi ci sia a Napoli la spazzatura nelle strade, c’è qualcosa che non mi torna». Così il capo della Protezione civile Guido Bertolaso ha commentato ieri la nuova emergenza rifiuti. Strade e scuole sono ancora una volta assediate da cumuli di rifiuti, anchenel pieno centro di Napoli. Diversi, la notte scorsa, gli interventi dei vigili del fuoco per rifiuti dati alle fiamme. E che il pieno centro di Napolie la parte storica siano invase dai rifiuti lo conferma anche l’assessore comunale all’Igiene, Paolo Giacomelli. Ma la colpa, a suo avviso,è di 68 autisti di Enerambiente che dovevano guidare i compattatori destinati a raccogliere l’immondizia e che, invece, la scorsa notte, si sono messi in malattia. Un’agitazione che a Boscoreale si è trasformata in una guerriglia notturna: alcune persone con il volto coperto da caschi hanno incendiato un autocompattatore e hanno riversato l’immondizia lungo la strada. In via Panoramica il gruppo si è distaccato dai cittadini del movimento anti discarica di Terzigno e ha distrutto l’autocomopattatore. Forati i pneumatici di altri cinque mezzi: gli autisti sono stati costretti a lasciare i camion e a consegnare le chiavi. Già mercoledì, contro la decisione di aprire una seconda discarica a Terzigno, erano stati bruciati altri camion.