Zamparini, veleni sull’Inter: favori come per la Juve

Il presidente del Palermo, Zamparini, accusa gli arbitri di essere a favore delle big e l’Inter di essere come la vecchia Juventus. Esistono i triangoli anche nel calcio, e non solo quelli in campo. Ora ne hanno formato uno, all’insegna delle polemiche, Palermo, Inter e Juventus. Ha cominciato il vulcanico presidente dei siciliani, Maurizio Zamparini, paragonando il club nerazzurro a quello bianconero. «L’Inter è la nuova Juventus, come potere mediatico. Si abituano: quando ci sono rigori contro di loro, non li vedono , non sono mai rigori. Invece io ribadisco ciò che ho detto, per noi ce n’erano quattro» – ha dichiarato Zamparini a margine della riunione in Lega. «Dopo la partita in televisione mi hanno dato del deficiente perchè avevo detto di aver visto quattro rigori – ha concluso il presidente del Palermo – se non li avete visti vuol dire che sono deficiente » – ha aggiunto, rivolto ai giornalisti. Gli ha subito replicato l’amministratore delegato dell’Inter, Ernesto Paolillo: «Sul potere come quello della Juventus, non rispondo. Non usiamo nessun tipo di potere, altri devono valutare le sue dichiarazioni. Sulla partita, tutti l’hanno vista, ho letto i commenti sui giornali e mi pare che nessuno abbia detto che l’arbitro ha sbagliato ». Chiamato in causa indirettamente, non poteva non rispondere il dg della Juventus, Beppe Marotta, che lo fa in modo pacato ma secco: «Non ho visto la partita, non posso commentare. Ritengo però che nella sua storia la Juventus abbia dimostrato di saper vincere in modo regolare e questo è ciò che conta».