Eto’o spietato rilancia l’Inter

Nerazzurri primi grazie alla doppietta in rimonta di Eto’o. Nel Palermo ok Pastore. Partita bellissima al «Barbera» con l’Inter che domina (e subisce il gol) nel primo tempo. La ripresa è più equilibrata ma Eto’o è spietato. Ottima prova di Julio Cesar. «Un primo tempo spettacolare» dice Benitez, il risultato al 90’ però è la cosa più bella della giornata per una straripante, sfortunata e fortunatissima, ma solo nel finale, Inter. Una partita incentrata sulla contraddizione di una prima frazione da ko tecnico al Palermo, con almeno sette occasioni pulite, e lo svantaggio firmato Ilicic.Meno bene nella ripresa, meno occasioni ma anche due gol di Eto’o, una difesa forsennata e un palo di Pastore con miracolo di Julio Cesar. Finisce 1-2, Inter prima, Palermo sottoterra. Una partita meravigliosa. Si fronteggiano senza remore due tridenti. Sneijder manca tantissimo a Rafa, a Rossi invece pesa l’assenza di Miccoli,ma il sorprendente sloveno Ilicic costruisce bene occasioni e dà spessore a un reparto in cui brilla altissima la stella di Pastore, mentre Hernandez fatica contro i durissimi Samuel e Lucio. Il gol, al 28’, è un’invenzione dell’argentino rifinita da Ilicic, tiro del Kakà rosanero, para Cesar, ribadisce in rete lo sloveno. Prima e dopo tre occasioni per Milito, sei in tutto, tutte abbastanza semplici, tutte ciabattate dal centravanti. Benitez lo difende: «Gli ho parlato subito dopo, era arrabbiatissimo, gli ho ricordato un episodio che mi accadde a Liverpool. Allora Crouch non segnava da 14 partite e la stampa lo attaccava, ma restò sereno. Lui tornerà presto a segnare, deve solo stare tranquillo». E anche Rafa può, visto l’incredibile Eto’o di questi ultimi tempi. Capocannoniere, due gol li segna nel secondo tempo al Barbera. Il primo al 17’: scambio, dribbling fenomenale sulnon fenomenale Munoz, diagonale forte. 9 minuti dopo il camerunese fa ambo: azione meravigliosa, tacco di Stankovic, scambio con Maicon, cross basso e il leone indomabile sbatte alle spalle di Sirigu il pallone del primo posto. Palo clamoroso di Pastore nel finale, ma il miracolo lo fa Julio Cesar, che copre il centimetro giusto e smorza polemiche, Palermo e paura. Alla fine Zanetti esce dolorante, ha un malore negli spogliatoi e viene portato in ospedale in ambulanza, il tutto per una pallonata, ma non è nulla di grave. Benitez vola, 7 pari col Mourinho degli ultimi due anni, ma una partita vinta così e in un momento così vale moltissimo, ed è la prima, minuscola ma significativa svolta del campionato.