Oggi arriverà la salma di Romani, bandiere a mezz’asta per Alessandro

La salma del tenente Alessandro Romani, il parà della Folgore morto venerdì dopo uno scontro a fuoco con i terroristi talebani, arriverà oggi pomeriggio alle 14 all’aeroporto di Ciampino. La camera ardente sarà allestita domani al Celio dalle 9 alle 12 e alle 15.30 autorità, parenti e amici daranno l’ultimo saluto all’incursore. I funerali del militare, che era considerato un veterano e aveva alle spalle numerose missioni all’estero, si svolgeranno nella chiesa di Santa Maria degli Angeli. Dal momento della notizia della morte del soldato, che era nato a Roma 36 anni fa, non era sposato e viveva insieme alla madre Elsa Chemotti a viale XXI Aprile, sotto casa della donna c’è stato un via vai di familiari e conoscenti, che hanno portato mazzi di fiori e biglietti per Alessandro. La signora, dopo aver incontrato ieri mattina alcuni commilitoni del suo unico figlio, si è chiusa nel silenzio e ha rifiutato anche l’assistenza psicologica che l’esercito italiano offre ai parenti delle vittime. Pure il padre del parà, che è separato dalla moglie e vive in via Annibale Maria di Francia, nel quartiere Fidene, si è barricato in casa, a piangere Alessandro. «Non voglio parlare. Non ho nulla da dire», ha riferito il signor Carlo, il quale nel pomeriggio ha ricevuto la visita del sindaco Gianni Alemanno. «Per lui è un momento molto duro», ha detto il primo cittadino, «ma sta dimostrando tutta la tempra che ha trasmesso anche a suo figlio». E del parà ucciso vicini e amici riferiscono che era «un ragazzo d’oro, aveva la passione per l’esercito e amava la divisa». Proprio quella sua passione, venerdì, l’ha strappato alla vita. (libero)