Banco di prova per la Roma in casa del Bayern Monaco

«Sarà una partita sicuramente difficile perchè, questo lo ricordiamo a tutti, il Bayern Monaco è arrivato in finale di Champions League tre mesi fa, però siamo convinti delle nostre qualità, delle nostre potenzialità e quindi ci sentiamo pronti per questa sfida» – così Marco Cassetti all’aeroporto di Fiumicino, poco prima della partenza della Roma di Claudio Ranieri, che dopo l’amara sconfitta di domenica con il Cagliari (5-1) ci riprova, in trasferta a Monaco dove questa sera affronterà il Bayern per la prima gara del girone di Champions League. «Sicuramente dobbiamo cercare di dimenticare che nel campionato scorso abbiamo fatto delle cose egregie, però è finito – spiega Cassetti – questa è una nuova stagione, c’è di nuovo da rimboccarsi le maniche ed essere concentrati in tutte le partite, perchè ogni partita è una battaglia. Dobbiamo cercare di giocare come abbiamo fatto l’anno scorso partita per partita e poi vedere dove arriviamo. Siamo convinti di uscire facilmente da questo brutto periodo». Ma i problemi maggiori riguardano la difesa. «Il Bayern è un banco di prova per tutta la squadra, non solo per la difesa, perchè siamo uniti e convinti di seguire tutti la stessa direzione, e non ci sono problemi negli spogliatoi, come ho letto oggi su qualche giornale, noi andremo avanti tranquilli». I tedeschi non avranno il miglior giocatore, quel Robben che ha giocato il Mondiale con l’Olanda pur in condizioni fisiche precarie. Per questo motivo, Rummenigge, presidente dei bavaresi, minaccia di ricorrere a vie legali se l’Olanda non pagherà una penale al Bayern.