Alonso rilancia la Formula Rossa

La giornata perfetta, il weekend perfetto, il numero perfetto. Pole, trionfo e mondiale riaperto. Tre imprese in un fine settimana da consegnare alla storia della Ferrari e dell’automobilismo. Fernando Alonso strappa la 18ª vittoria sul circuito di Monza (è record in Formula 1) e, a 5 gare dalla fine, si porta a 21 punti dalla vetta della classifica Piloti, dopo una gara da sogno per i tifosi della rossa.Lo spagnolo parte male, si fa soffiare la prima posizione dalla McLaren di Jenson Button, ma poi non sbaglia più inanellando una serie di giri veloci che gli consentono di passare in testa dopo il pit-stop. Malissimo l’ormai ex leader della classifica Lewis Hamilton che in avvio esagera nel voler sorpassare subito l’altra Rossa di Felipe Massa (che prova sul rettilineo a superare il compagno), rompe la sospensione per un contatto con il brasiliano, e dice addio al Gp d’Italia. Buono per Mark Webber che si riprende la testa del campionato con 5 punti di vantaggio sull’inglese e 21 sull’asturiano che ammette d’aver vinto «la gara più importante della mia vita». Chiude la giornata trionfale di Maranello Massa con un ottimo 3° posto. Quando si spengono le luci rosse, Button è perfetto, Alonso no. La F10 dello spagnolo è più veloce della McLaren e si vede, ma il sorpasso non arriva. La svolta al giro 37 quando entrambe le vetture si fermano per sostituire le gomme. Ne approfitta lo spagnolo, che all’uscita della pit-lane si ritrova in testa d’un soffio davanti al campione del mondo del 2009. Tranne un piccolo brivido per il taglio di una chicane, Alonso guiderà la gara fino in fondo. Dietro al duo di testa si mette in evidenza il tedesco Sebastian Vettel che riesce a chiudere in 4ª posizione, mentre il compagno della Red Bull Mark Webber riesce a raggranellare una 6ª piazza che gli vale la testa della classifica a quota 187 punti. «Credo sia la vittoria più importante della mia vita – il commento di Alonso – abbiamo fatto tutto bene, un pit-stop fantastico. Ora non c’è spazio gli errori, lo abbiamo visto oggi con Hamilton. Basta un problema e possiamo dire bye bye al mondiale. Abbiamo 5 gare davanti, dobbiamo spingere: mi aspetto una Ferrari molto consistente». Soddisfatto anche Massa, che non nasconde un certo rammarico: «Alla fine abbiamo raggiunto un buon risultato, anche se avrei potuto passare Alonso ad inizio corsa». Il pit-stop? «Forse era meglio aspettare invece di fermarsi, ma è facile dire le cose con il senno di poi». -leggo-