«Kakà all’Inter? Buona idea»

L’acquisto di Ibrahimovic da parte del Milan ha indispettito i nerazzurri che pensano alla vendetta. Intanto Galliani strizza l’occhio anche a Balotelli. Non si sono mai amati. Nonostante i sorrisi di facciata, tra Milan e Inter esiste una rivalità decisa e feroce che ha radici lunghe e non estirpabili. Una rivalità che, nelle ultime settimane, si è inasprita ancor di più. Colpa del “Diavolo”che, nonostante le raccomandazioni del numero uno nerazzurro Moratti («Ibra farebbe bene a restare a Barcellona»), ha deciso di vestire di rossonero Ibrahimovic, uno degli idoli recente del popolo nerazzurro. Un acquisto che ha indispettito parecchio le alte cariche nerazzurre a tal punto da, così parrebbe, convincereMoratti e soci a ipotizzare un’opera – zione che avrebbe del clamoroso, ovvero portare Kakà (ex stella rossonera) all’Inter: «Potrebbe essere una buona idea ma non è venuta a noi. L’ho letta anche io sul giornale », le parole del presidente delle Beneamata. Parole che sanno di avvertimento nei confronti dei vertici del Milan, in particolare dell’a.d. Galliani che, proprio in queste ore, non ha escluso anche un possibile approdo di Balotelli, altro ex nerazzurro, al Milan. Insomma il derby è già iniziato e a suon di frecciatine tutt’altro che morbide. Da un lato c’è l’Inter, la squadra che ha dominato gli ultimi cinque campionati e che ha appena trionfato in Europa. Dall’altra il Milan, stanco di dover assistere ai successi nerazzurri e desideroso di tornare sul tetto del mondo. In mezzo ci sono i campionissimi, quelli che hanno già avuto a che fare con l’una o l’altra fazione. Ibrahimovic, il grande salto, l’ha fatto senza preoccuparsi più di tanto delle conseguenze. Ora bisognerà capire se anche Kakà si lascerà tentare dalle lusinghe nerazzurre, dimenticandosi del suo amato Milan. Se così sarà, nei prossimi derby avremo l’Inter di Kakà contro il Milan di Ibra. Assurdo? No, come va ripetendo Moratti: «Si può fare tutto…». Probabilmente ha ragione lui. -dnews-