X Factor atto primo in vista nuovi talenti

Ma X Factor, l’x factor, ce l’ha? Pare di sì, almeno per quanto riguarda la “x”. Sostanziale pareggio tra uscite (ciò significa Morgan) e nuovi arrivi (e con questo si intende Elio) per la prima puntata “ufficiale” della nuova edizione del talent di Raidue. La serata, condotta da un Francesco Facchinetti compulsivo nel ricordare che «niente è più come prima» si è già lasciata alle spalle la prima concorrente: Alessandra Falconieri, del gruppo “donne dai 16 ai 24” affidato ad Anna Tatangelo, o meglio “Lady Tata”, chiamandola con il suo nuovo nomignolo da battaglia. E proprio di guerra si parla. La giovane cantante è riuscita ad accaparrarsi le antipatie di molti, supplendo in tal senso alla perfezione la giudice della scorsa edizione Claudia Mori. Ma la sua “d e b o l ez z a ”, artificiale o meno, diventerà la sua forza. In una danza di commenti post esibizione che prevedeva un vocabolario fisso di parole come “emozione”, “arrivare”, “sentire” – fatto salvo l’exploit di «lei quando canta ti descrive quello che ti dice» – è riuscita a dar vita ad una frase che è già diventata un tormentone: “Quando la persona è niente, l’offesa è zero” (ha risposto a Milly d’Abbraccio che in fase di provino cercava di difendere una ragazza da lei prodotta). Detto questo, e messo da parte un grandioso Elio che si è presentato “morganizzato”, con tanto di giacca estrosa e parrucca grigia con ciuffo, del materiale c‘è. Nathalie con un’interpretazione a cappella di Aquarius si è posta tra i preferiti del pubblico (almeno di quello online, che sui social network ha riempito di commenti stanze dedicate) al secondo posto dietro a Nevruz, vero fenomeno dell’edizione 2010. Il casertano già diventato pupillo di Belisari ha messo in scena una non impeccabile, ma sentitissima versione di Se telefonando. Sopra le righe, ma dentro la telecamera, ha tutta l’aria di uno che ce la può fare, ammesso che abbia la voglia. Altro “esperimento” sul confine è Stefano (nel gruppo di “caterpillar- Maionchi ”, che ieri si è già fatta sfuggire il primo «macchec…»): classe ‘88, occhialoni nerd, viso da cucciolo e forte balbuzie che scompare dietro una voce densa e calda durante il canto. Il pubblico stia attento a non cadere nell’ef fetto tenerezza, perché sarebbe la sua disfatta. Un po’ nel limbo dei senza arte né parte, al momento, Davide, gli Effetto Doppler, i Borghi Bros e Sofia. Possono regalare sorprese Manuela, nella categoria 25 + che già viene vista come “la diva”, Dorina, rockettara che stenta a fidarsi della madrina Tatangelo, e lo scopiettante 16enne Ruggero, su cui ha messo gli occhi la Maionchi. Grande scommessa la coppia gay i Kymera, investimento di Enrico Ruggeri. «In confronto a voi Albano e Romina sembrano i Clash», gli ha detto. Troppi falsetti, ma si attendono sviluppi. -dnews-