Inter, Moratti: Benitez farà meglio di Mou

«Quest’Inter è molto forte, non è una squadra vecchia. Comprare per comprare non mi sembrava proprio il caso». Un accenno al fair play finanziario voluto dall’Uefa andava fatto, ma ieri Massimo Moratti ha puntato tutto sulla meritocrazia per spiegare l’immobilismo dei campioni d’Europa sul mercato estivo. Il presidente nerazzurro non è affatto «pessimista e non lo devono essere neppure i tifosi. Determinate scelte le ho fatte perché sono convinto che la squadra possa rendere così, non è una squadra vecchia perché ha vinto due mesi fa e non dieci anni fa. Quest’anno ci siamo concentrati sui giovani e abbiamo preso quelli che abbiamo giudicato i migliori: qualcuno è già arrivato, magari qualcuno arriverà nel corso della stagione o a fine anno». Ma la fiducia di Moratti nei suoi uomini e in Benitez è totale: «Qui c’è da portare avanti un anno intero e credo che Rafa abbia il buon senso, l’intelligenza e la calma per farlo bene. I paragoni con il passato? Qualcuno potrà anche farli, ma sono convinto che Benitez saprà superare anche quelli e che i tifosi lo aiuteranno». Poi, da gennaio potrebbero esserci Antonelli («Ne abbiamo parlato con il Parma a fine agosto, ma era un po’ caro») e Cassano. «È sempre stato un bravo ragazzo e con la maturità stanno venendo fuori tutte le sue belle qualità».(