Cuccioli trasportati come pacchi: 9 indagati

Cuccioli di cane, gatti e altri animali stipati in gabbie per essere trasportati dai paesi dell’Europa dell’est a Milano e a Torino, tenuti senz’acqua durante lunghi tragitti e imbottiti di medicine che venivano loro somministrate «al solo scopo di ritardare la scoperta di patologie in atto». È il quadro che emerge da un’inchiesta a carico di nove persone destinatarie di un avviso di chiusura delle indagini firmato dal pm di Milano Nicola Balice per associazione a delinquere finalizzata a diversi reati, tra cui maltrattamenti e sevizie nei confronti di animali che venivano messi sul mercato come se fossero cani o gatti italiani e rivenduti a caro prezzo agli acquirenti col rischio che i loro animali potessero avere patologie come la rabbia. Tra gli indagati, allevatori, rivenditori e veterinari, figurano i proprietari, marito e moglie, di un negozio per animali di via Padova, “Anima Animale”. In base a quanto ricostruito dagli inquirenti, violando le disposizioni comunitarie, gli indagati importavano dalla Repubblica slovacca cuccioli di cane e gatti, munendosi di passaporti per animali compilati con dati falsi relativamente alla data di nascita, all’esecuzione delle vaccinazioni obbligatorie per la prevenzione della rabbia e alle condizioni di salute.