Lacrime d’amore per Lulùbella

Il concerto che Niccolò Fabi non avrebbe mai voluto organizzare, è un pugno nello stomaco: una maratona di emozioni (e lacrime) che va in scena al Casale sul Treja, alle porte di Roma, dalle tre di pomeriggio e si conclude verso la mezzanotte con tantissimi big della musica italiana chiamati sul palco per un concertone triste quanto utile: l’obiettivo è la raccolta di fondi per l’ospedale pediatrico in Angola (lì opera l’Ong Medici con l’Africa Cuamm). A cantare per Olivia, Lulùbella come la chiamavano in casa, la figlia dell’artista romano morta a due anni lo scorso due luglio per una meningite fulminante, sono un’infinità: Elisa, Jovanotti, Claudio Baglioni, Max Gazzè, Paola Turci, Syria, Marina Rei, Simone Cristicchi, Enrico Ruggeri, Samuele Bersani, Tosca, Gianni Morandi, Neri Marcorè e Luca Barbarossa, Giuliano Sangiorgi (leader dei Negramano). Al parco che era il luogo prediletto della piccola, arrivano a migliaia: ti aspetti teenager a caccia di autografi (qaulcuno c’è ma si nasconde per la vergogna), invece in marcia si mettono le famiglie con bambini al seguito che non capiscono perché sono lì, ma intanto giocano all’aperto e urlano tutta quella felicità strozzata in gola alla famiglia Fabi quando Olivia il mondo l’aveva appena annusato. «E’ dura tirarsi su da una cosa del genere, la comunità musicale è rimasta scioccata dalla notizia – spiega Jovanotti col filo di voce rimasto dopo aver commosso un po’ tutti cantando col pubblico A te -, è un incubo che ti segna per tutta la vita. Succede a una persona normale, figuriamoci a un personaggio pubblico». ««Tutto quello che c’era da dire è stato già detto. Mi sembra che la giornata sia come la immaginavo. Sono fortunato per tutto l’affetto che mi ha dimostrato la gente», le poche parole a singhiozzo di Niccolò. A cercare di portare un pizzico di vivacità, ci pensano Neri Marcorè e Luca Barbarossa: gag e battute cantando Questa zozza società. Più serio Gianni Morandi, quando a raffica canta Vita, Scende la pioggia e C’era una volta, leggero ma impegnato Samuele Bersani con Chicco e spillo, cantautoriali Cristicchi e Tosca con Io amo solo te di Sergio Endrigo. Sulla serata minaccia pioggia, il tempo però tiene. Bastano le lacrime a bagnarci la vita. (leggo)