Messaggi ai boss negli sms a “quelli che il calcio”

Messaggi ai boss negli sms a "quelli che il calcio". Lo rivela l’ex-procuratore nazionale antimafia aggiunto Macrì, ma i responsabili della trasmissione erano all’oscuro di tutto. Come aggirare il 41 bis attraverso la Tv di stato. L’ex-procuratore nazionale antimafia aggiunto Enzo Macrì, nel corso di un’audizione alla Commissione parlamentare antimafia, ha spiegato come i mafiosi comunicavano con i boss in regime carcerario di 41 bis attraverso gli sms che andavano in onda nella trasmissione Rai "Quelli che il calcio", condotta da Simona Ventura. Era previsto l’invio dei messaggi da parte del pubblico, che vengono fatti scorrere sul video insieme ai risultati delle partite di Serie A. Macrì ha tenuto a specificare che, siccome tutti possono partecipare, i responsabili della trasmissione erano all’oscuro di quello che succedeva. L’ex procuratore ha rivelato che la scoperta è stata fatta grazie alla segnalazione giunta alla Procura Antimafia da un carcere ed è ora oggetto di indagini: "Ciò che ci colpì della segnalazione – dice Macrì – era l’apparente banalità del contenuto degli sms dietro ai quali, in realtà, si celavano precise comunicazioni ai boss impossibilitati, a causa del regime carcerario cui erano sottoposti, ad avere qualsiasi comunicazione con l’esterno. È chiaro, tra l’altro, che l’esatto significato del messaggio lo potevano capire solo i destinatari». -la7-